Blog

Festival dell’autobiografia. Anghiari, 20-22 settembre 2013

 

Domenica 22 Settembre

  • Ore 9.00- Teatro di Anghiari
  • Storie Straordinarie – Conduce Duccio Demetrio
    - Duccio Demetrio e Barbara Rossi, Cara vita, ti scrivo… Antologia di scritti dei detenuti del Carcere di Opera
    - Giuseppe Gullotta, Alkamar. La mia vita in carcere da innocente
    - Don Antonio Mazzi, Educatori senza frontiere
    - Beppino Englaro e Anna Cappelletti, La vita-la morte nella scrittura autobiografica di Beppino Englaro e Lucia Genga

evento-anghiari - page

REPORT

Cara vita ti scrivo… Cambio solo il finale: è una grande possibilità!

Non è corretto verso se stessi, dicono gli autori, rinnegare il proprio passato. Però possiamo scegliere di proseguire la vita seguendo strade migliori. Mario, Antonio, Jimmy….
Non mi piace l’idea di dover cambiare! Mi piace l’idea di poter migliorare! Alfonso
Una grande emozione ha accompagnato la lettura di alcuni brani scelti dai corsisti di Leggere libera-Mente, nel Laboratorio Liberi di scrivere.

“…dicono che il tempo attenui il dolore, ma non è vero. Lo senti in maniera diversa, non senti la violenza, come quando ti ha colpito. Ora sei consapevole che hanno annientato gran parte della tua vita, il dolore è meno violento ma più profondo, senti la tua sconfitta e fa male”. Luigi
“Leggendomi, ho l’impressione di trovare me stesso, di conoscere aspetti di me che non avevo pensato. A volte mi chiedo: ma sono io davvero che ho scritto? Non so, datemi un po’ di tempo prima di rispondere.” Domenico

E così abbiamo assistito a qualcosa che in passato mai avrei creduto di sentire: il pubblico che ringrazia le persone detenute per le emozioni che hanno suscitato, per l’autenticità sentita, per la profondità e delicatezza di far vibrare corde inattese. Il frutto di un intenso lavoro di riflessione, ascolto, confronto, dialogo…
Davvero la scoperta di un Nuovo Mondo.
Non mi viene alla mente metafora più azzeccata, di questa: leggere queste pagine, ascoltare questi voci, ci fa sentire come novelli Cristoforo Colombo, di fronte a quell’immenso continente che è l’America.
La dimostrazione che la vita umana è un tesoro prezioso, di cui aver cura.

Barbara Rossi, psicologa psicoterapeuta
responsabile del progetto Leggere Libera-mente

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply