Blog

Leggere e scrivere aspettando la libertà, 30 novembre 2013

 

Dopo il successo raccolto a novembre 2012, la Sottocommissione Carceri del Comune di Milano torna a Palazzo Reale per presentare questa volta tutti i lavori dei laboratori promossi dall’associazione culturale Cisproject – Leggere Libera-mente nella Casa di Reclusione di Milano-Opera.
Si tratta di 6 laboratori:
il laboratorio di scrittura e lettura ad alta voce, il laboratorio di lettura libera, il laboratorio autobiografico Liberi di scrivere, il laboratorio newsletter, il laboratorio di studio, il laboratorio di scrittura creativa, curati da Barbara Rossi – Presidente dell’associazione culturale Cisproject – Paola Maffeis, Paolo Romagnoli, Silvana Ceruti, Alberto Figliolia.

Ben 6 laboratori, che si presentano a testimoniare e documentare la potenza del leggere e scrivere quando praticati con piacere e in libertà, nonostante tutto, nonostante ci si trovi ristretti in carcere.

Durante l’incontro sarà proiettato e commentato insieme ai registi e ai protagonisti il documentario “Levarsi la cispa dagli occhi” (Concina, Maurelli, 2013), un film che ritrae I corsisti durante I laboratori di Leggere Libera-Mente, ma anche nei vari momenti della vita quotidiana, mentre scrivono, mentre pensano, mentre leggono…mentre vivono. Una testimonianza diretta e viva.

Verranno inoltre presentati I lavori dell’anno 2013, frutto del lavoro dei corsisti:

- Libertà vo cercando ch’è sì cara. (La Vita Felice, 2013) Raccolta antologica frutto del lavoro di tutti e 6 i laboratori, che hanno lavorato congiuntamente a volontari, operatori, amici… offrendo una panoramica caleidoscopica, alla ricerca del senso della parola libertà. Una parola tanto usata ma su cui vale certamente la pena di so-stare, per poterne assaporare e gustarne al meglio il valore.

- Il Calendario 2014 (La Vita Felice, 2013) nato nel laboratorio di scrittura creativa, raccoglie una selezione di poesie composte dalle persone detenute, abbinate a 16 fotografie a tema scelte appositamente dalla fotografa Margherita Lazzati.

nessuna-pagina-rimanga-bianca-127872

Nessuna pagina rimanga bianca

- Nessuna pagina rimanga bianca (La Vita Felice, 2013), raccolta poetica di Giuseppe Carnovale, corsista del Laboratorio di scrittura creativa: 252 pagine che fluiscono come fiume in piena. Parole che cercano parole, parole che cercano forma per esprimersi, parole in cerca di lettore, parole che sprigionano rabbia, rimpianti, dolori, passioni… proprie verità. Quale la via?

- “Cara vita ti scrivo. Cambio solo il finale” (La Vita Felice, 2013), raccolta antologica di una selezione di testi dei corsisti di Liberi di scrivere, laboratorio che si avvale della collaborazione del prof. Duccio Demetrio, direttore scientifico della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari (AR).
Scrive Antonio Cesarano, riflettendo sulla sua storia e illustrando al contempo il valore della lettura, dando Il sottotitolo al libro:
“Negli anni mi sono pian piano appassionato alla lettura e alla cultura in generale anche per colmare quel vuoto che persisteva ed ancora, in parte esiste dentro me. Tra i tanti ho trovato interessante leggere un libro di Kafka: La metamorfosi. A tratti ho visto me e la mia vita finora passata. La diversa prospettiva mi ha fatto ripercorrere criticamente le azioni e le reazioni di chi nel tempo mi è stato vicino. E pertanto mi sento molto più vicino a quello scarafaggio che all’uomo di prima, che non rinnego affatto, anzi, ringrazio per ciò che è stato e ciò che continua ad essere. Senza l’Antonio del passato non potrebbe esistere l’Antonio di oggi. Un’ultima cosa de La metamorfosi: condivido quasi tutto, ciò che non condivido è il finale. Antonio non si arrende alle vicissitudini ma ne trae la forza per proseguire la sua continua metamorfosi. Il mio futuro sarà l’inizio del nuovo e più lieto fine”.
“Uno scrivere come riscoperta della propria esistenza e resistenza umana come “emblema di vitalità del pensiero – dice Duccio Demetrio – di una sensibilità che non intende arrendersi, del desiderio di riscatto. Ai propri occhi innanzitutto”.

I libri, il calendario, le antologie sono edite da La Vita Felice, 2013. Il ricavato verrà devoluto a sostegno del progetto Leggere Libera-Mente.

scarceranda

Scarceranda 2014

- Scarceranda 2014: l’agenda che si avvale della collaborazione tra Leggere Libera-Mente e la cooperativa SIS, contiene per ogni settimana un aforisma dei corsisti.

- Leggere libera-mente, progetto coordinato da Barbara Rossi, è attivo presso la Casa di Reclusione di Milano-Opera dal 2008 per promuovere la curiosità verso la lettura e la scrittura, che si ritiene possano essere occasione di crescita personale. Il progetto si fonda sui principi della biblioterapia ed è proposto da Cisproject, associazione culturale che promuove progetti in ambito sociale e sanitario.
Una serie di eventi organizzati periodicamente all’interno e all’esterno del carcere permettono a quanti interessati di partecipare ai lavori dei laboratori, consentendo un confronto sui temi trattati, per mantenere quel ponte tra dentro e fuori necessario quando si parla di re-inserire le persone temporaneamente detenute.

Leggere e scrivere aspettando la libertà

aspettando-la-liberta

sabato 30 novembre 2013
Palazzo Reale di Milano – Piazza Duomo 14
Sala Convegni – ore 10.00 – 13.00

Interverranno alla presentazione:

Lamberto Bertolé – Presidente della Sottocommissione Carceri e altre autorità cittadine;
Giacinto Siciliano – Direttore della Casa di Reclusione di Milano-Opera;
Silvana Ceruti – Fondatrice responsabile del Laboratorio di scrittura creativa, Ambrogino d’oro 2012;
Barbara Rossi – Presidente Cisproject e responsabile del progetto Leggere Libera-mente;
Alberto Figliolia – Giornalista, poeta. Coadiutore del Laboratorio di scrittura creativa;
Duccio Demetrio – Direttore scientifico della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari (Ar)
Gerardo Mastrullo – Editore;
Cristina Maurelli e Carlo Concina- Registi;
Margherita Lazzati – Fotografa.

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply