Blog

“Un raggio tra i raggi”: le opere dei detenuti in mostra a Milano

 

COMUNICATO STAMPA

“Un raggio tra i raggi”:
le opere dei detenuti in mostra
al Palazzo del Ghiaccio di Milano

Nel fine settimana il progetto Leggere libera-mente parteciperà alla “maratona culturale” organizzata da Bookcity. L’evento porterà mostre fotografiche, autobiografie, poesie, libri per bambini, giornali e agende dalla casa di reclusione di Opera al “cuore” di Milano. Tutto questo è il risultato di un lungo lavoro ispirato al concetto di biblioterapia.

“Un raggio tra i raggi”: le opere dei detenuti in mostra  al Palazzo del Ghiaccio di Milano

Milano, 13 novembre 2014 – Le persone detenute del carcere di Opera presenteranno i loro lavori artistici al Palazzo del Ghiaccio di Milano sabato 15 novembre.

Grazie all’associazione Cisproject-Leggere Libera-Mente, nell’ambito dei circa 800 eventi di BookCity organizzati dal Comune di Milano, nel fine settimana sarà allestita la mostra fotografica “Parole dentro” di Elisa Mercadante (visitabile dalle ore 12 alle 20), dedicata a scorci dei laboratori di lettura e scrittura del progetto attivo da sei anni all’interno della casa di reclusione. L’idea si basa sul concetto che leggere è una finestra aperta all’ascolto dell’altro, al confronto con storie diverse e uguali alla propria, e offre soluzioni nuove.

Nel pomeriggio di sabato, a partire dalle 15,30, si svolgeranno presentazioni e letture; i protagonisti saranno le persone detenute, gli operatori delle attività culturali e dei laboratori, i giornalisti, gli scrittori e i volontari.

In particolare, l’evento aprirà le danze con una maratona poetica, con rimbalzi tra Opera e Bollate, presentata da Silvana Ceruti e Maddalena Capalbi, cui seguirà:

il laboratorio autobiografico, con presentazione dell’ultimo lavoro editoriale sul sogno, dal titolo: Chiudendo gli occhi, a cura di Duccio Demetrio e Barbara Rossi. Interverranno Benedetta Centovalli e di Barbara Rossi, con letture dei corsisti.

Leggi tu che leggo anche io, un libro rivolto ai bambini per una lettura condivisa delle cose difficili di cui parlare, con Paola Maffeis

In quest’ambito saranno presentate anche l’Agenda Scarceranda 2015, ideata e prodotta dal Consorzio SIS con gli aforismi dei corsisti di Leggere Libera-Mente, e il giornale In corso d’Opera, realizzato dalle persone detenute, grazie alla collaborazione con il giornalista Renzo Magosso e Carlo Ubezio. A seguire si svolgerà un dibattito con Paolo Foschini.

A BookCity saranno presentate, infatti, attività culturali organizzate nei diversi istituti penitenziari: Opera, Bollate, San Vittore.

Cisproject- Leggere-Libera-Mente è inoltre tra i promotori di BookCity per le scuole al quale parteciperà con un evento che si svolgerà all’inizio del 2015.

“Siamo molto felici di poter mostrare in occasione di BookCity il risultato del lavoro svolto a Opera con i detenuti – dichiara Barbara Rossi di Cisproject- Leggere-Libera-Mente – Si tratta del frutto di un percorso impegnativo ed entusiasmante ispirato al concetto di biblioterapia, tramutato in un progetto specifico per il carcere denominato Leggere-Libera-Mente, attività culturale che si propone di favorire il reinserimento nella cosiddetta società civile. Crediamo infatti che leggere sia un’occasione di crescita personale e ci auguriamo che le opere presentate a BookCity siano apprezzate sia per il loro contenuto artistico sia per lo spirito di riscatto che le contraddistingue”.

Ulteriori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.leggereliberamente.it

Contatti: Ufficio Stampa Cisproject-Leggere-Libera-Mente, e-mail davgrassi@libero.it

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply